Come i delfini

Paolo XELLA
Archeologia dell'Inferno
L'Aldilà nel mondo antico vicino-orientale e classico

Contributi di Jean Bottéro, Giuseppe Del Monte, Cristiano Grottanelli, Hans-Joachim Klimkheit, Thomas Podella, Sergio Ribichini, Francesco Saracino, Gabriella Scandone Matthiae, Paolo Xella, Bruno Zannini Quirini.

1987, pp. 307

ISBN-88-85697-15-1, Prezzo/Unita' 18 €
Q.ta'

 

I contributi che compongono questo volume costituiscono un affascinante viaggio, un’esplorazione “archeologica” degli aldilà concepiti dalle principali culture del mondo antico. Tali “inferi” si schiudono agli occhi del lettore rivelando la loro organizzazione spaziale, le loro leggi, i loro inquietanti abitatori coloriti ed assurdi, rassicuranti e crudeli.

Si tratta di un viaggio attraverso un immaginario inesauribile, antico quanto l’esperienza umana della morte. Ma questo volume è anche un saggio storico-religioso fondato su un consapevole confronto culturale e volto a porre le premesse per una riflessione su noi stessi, per una ricerca di identità che è l’unico obiettivo di tutte le storie, comunque etichettate.

Il volume offre dunque una lettura a più livelli, secondo l’approccio più congeniale al lettore. Indagando le concezioni dell’aldilà emerge il nesso sempre esistente tra aldilà e aldiquà, tra visione dell'oltretomba e organizzazione sociale, che spesso si immagina perpetuata anche dopo la morte. Inoltre “aldiquà” e “aldilà” appaiono spesso collegati anche in senso spaziale, attraverso vie d’accesso e attraverso le relazioni stesse che si instaurano tra la comunità dei morti e quella dei vivi. Il lettore inizia il suo viaggio il suo viaggio a partire dal misterioso aldilà dell'antico Egitto, visita le terre mesopotamiche giungendo fino all’Anatolia, alla Siria-Palestina, per poi soffermarsi sull’Antico e Nuovo Testamento e concludere il suo cammino con la Grecia e Roma.

La scelta delle civiltà studiate in questo volume non è casuale: affondare lo sguardo fin dentro le radici della nostra cultura, affrontare il problema della nostra formazione storica, questo è l’obiettivo che l'opera nel suo insieme si propone. Scendere nell'oltretomba, come insegnano tanto le antiche mitologie che la moderna psicanalisi, è sempre un'operazione rischiosa, da cui è arduo far ritorno.

E se vi si riesce, dopo, si è profondamente trasformati, mai più come prima, perché la comprensione di chi siamo non resta più in semplice miraggio.

P. iva IT01352750234 - C.so Porta Nuova 99 - 37122 -Verona - Italy - Tel./Fax. +39 45 8003112 - info@essedueedizioni.it
Copyright © 2011 Essedue Edizioni - Verona. Tutti i diritti riservati.