Il caso Sofija Tolstoj

Cacciari, Cavicchioni, Mizzau
Il Caso Sofija Tolstoj
1981, pp. 145 

ISBN-8885697.01.1, Prezzo/Unita' 10 €
Q.ta'

Sofija nasce a Mosca nel 1844 da una famiglia legata alla corte imperiale. A diciassette anni è una ragazza attraente, ricca d'interessi culturali, d'amicizie e di desiderio di vivere.
Anche Leone Tolstoi è un aristocratico, che frequenta la società moscovita, ma abita prevalentemente in campagna. Incontra Sofija a 34 anni e se ne innamora immediatamente: " Sono innamorato come non credevo ci si potesse innamorare, sono pazzo, mi sparerò se continua così. (…) lei è deliziosa in tutti i sensi.". Le chiede di sposarlo e Sofija,

ora diciottenne, accetta.
Dopo il matrimonio seguirà il marito nella grande casa malandata di Jasnaja Poljana in cui praticamente abiterà per tutto il resto della sua vita. Resterà incinta 16 volte, metterà al mondo 13 figli e ne dovrà seppellire quattro. Nella solitudine della campagna, che non ama, copierà il capolavoro di Tolstoj Guerra e Pace per ben sette volte fino alla stesura definitiva, oltre ad una grande quantità d'altri romanzi. Di quello che lei avrebbe potuto essere, scrivere, creare a fianco di un gigante come il marito non se ne parla nemmeno. Non stupisce che i suoi rapporti con lui comincino a deteriorarsi fino a giungere negli ultimi anni della loro vita ad una guerra dove, l'odio-amore di lei e la stanca e dispettosa ostinazione di lui li porteranno a scontri di una violenza incredibile che ci è tramandata dalle migliaia di pagine dei rispettivi diari.
Questo libro propone uno studio psicologicamente attento dei momenti salienti di una lotta la cui spirale perversa porterà Tolstoj fuggito di casa in pieno inverno a morire nel gelo della stazione ferroviaria di Astapovo e lei a sopravvivergli per nove anni di desolate memorie e rimpianti.
E' un gioco al massacro dunque in cui la realtà continua a confondersi con l'arte, Anna Karenina ad esempio altri non è se non l'immagine di Sofija e i drammatici attriti di Anna con Vronskj, l'uomo per cui ha abbandonato la famiglia altro non sono se non quelli fra Leone e la moglie, attriti in cui, lui, l'uomo, il marito, ma soprattutto e prima di tutto il grande scrittore, sembra il padrone quasi demoniaco del destino di entrambi. E' Tolstoj, infatti, che decide di salvare Vronskj e di far morire Anna Karenina straziata dalle ruote del treno. Invece poi, come sappiamo, nella vita reale, sarà lui a soccombere.

Il Caso Sofija Tolstoj è stato ampiamente recensito su " Il Coriere della Sera" con l'autorevole firma di Vittorio Strada, da Vittorio Saltini su "L'Espresso", " L'Unità" gli ha dedicato una pagina intera altre recensioni su "La Nazione", "L'Arena" e alcuni giornali minori.

P. iva IT01352750234 - C.so Porta Nuova 99 - 37122 -Verona - Italy - Tel./Fax. +39 45 8003112 - info@essedueedizioni.it
Copyright © 2011 Essedue Edizioni - Verona. Tutti i diritti riservati.